Home

Galleria

Poesie

Scritti

Studio30A

Eventi

Biografia

Contatti

 

 

 

 

Albino Monteduro nasce nel 1948 a Tricase, nel Salento. 

Dal 1970 è a Milano, dove si laurea in  Architettura e segue corsi di incisione presso l'Accademia di Belle Arti di Brera.

Nell'ambiente artistico milanese dei primi anni Settanta, assiste, sentendosi assai coinvolto, a performance per la celebrazione della morte de “Le Nouveau Réalisme”:  impacchettamenti di Christo e Jeanne-Claude; espansioni di Caesar Baldaccini in Galleria; sculture di Arman; manifesti di Rotella. Organizza mostre personali e partecipa a varie manifestazioni artistiche. Nel decennio 1975–1985, caratterizzato da frequenti viaggi in varie capitali europee, Monteduro elabora i cicli pittorici che si intitolano “Rottami irrecuperabili” e “Conche del sale”. Sono esperienze di arte materica con uso di vari materiali (stucco, zucchero di canna, caolino, colla, segatura, sabbia …) 

Tra il 1985 e il 1992, ha il proprio studio in via Tonale a Milano e sono gli anni in cui avvia la ricerca che intitolerà “Dal Giardino”: un vero giardino dell'infanzia, custodito dalla memoria.

 

 

 

 

I temi del “Giardino” diventano per Monteduro metafore per ricostruire il mondo e costituirà una vera e propria miniera di stimoli per l’invenzione di tessere colorate, lacerti figurali, brandelli organici, rottami tecnologici. 

Più recentemente l’artista ha avviato ricerche su una tematica che trae spunto dalle radici barocche di cui è ricca la terra d’origine e che ha per titolo “Sogno Barocco”. Monteduro ha rilevato analogie tra le pulsioni della contemporaneità e lo spirito dell'epoca barocca; infatti, anche nel mondo odierno la sovrabbondanza di immagini ricorda l’eccessivo decorativismo di allora: è il formalismo che prevarica la sostanza, il superfluo che sopravanza l’essenziale. Mentre, all'eccessiva spiritualità barocca, oggi sembra corrispondere un certo fanatismo edonistico che, alla stessa maniera, rende difficili i rapporti tra i Gruppi umani.

Monteduro è attento cultore di Storia dell’Arte e si occupa di Beni Culturali.  

Vive a Garlate. Studia e lavora nel proprio laboratorio, lo STUDIO 30/a,  di Calolziocorte (LC)